giovedì 14 gennaio 2016

2016 TBR

Ecco qui una cernita di alcuni libri che possiedo che vorrei davvero davvero riuscire a leggere in questo 2016. Se le cose andranno come al solito, sarà festa grande se ne leggerò cinque o sei: ma ci voglio provare, voglio davvero leggerli.

Follia - Patrick McGrath
Il libro delle cose nuove e strane - Michael Faber
Stazione undici - Emily St. John Mandel
In questo luogo incantato - Rene Denfeld
Carol - Patricia Highsmith
L'invenzione della madre - Marco Peano
Follie di Brooklyn - Paul Auster
Lolita - Nabokov
Sorella mio unico amore - Joyce Carol Oates
Ogni angelo è tremendo - Susanna Tamaro
Le intermittenze della morte - José Saramago
La rabbia e l'orgoglio - Oriana Fallaci
Chocolat - Joanne Harris
Sotto la pelle - Michael Faber
La collina dei conigli - Richard Adams
Il mondo perduto - Michael Chrichton
Cuckoo Song - Frances Hardinge

Tra i classici che ho in casa, mi piacerebbe invece riuscire a dare un'opportunità a:

Una stanza tutta per sé - Virginia Woolf
1984 - George Orwell
I tre moschettieri - Alexandre Dumas
Il giardino segreto - Frances H. Burnett
Il grande Gatsby - F. Scott Fitzgerald
Il maestro e Margherita - M. Bulgakov
Grandi speranze - Charles Dickens
Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde

Libri che invece non possiedo, ma mi piacerebbe tanto riuscire a recuperare e leggere in questo 2016 sono:

Storie ciniche - W. Somerset Maugham
Lila - Marylinne Robinson
L'invisibile ovunque - Wu Ming
George - Alex Gino
La vita sessuale dei nostri antenati - Bianca Pitzorno
Dio di illusioni - Donna Tartt
Il mondo curioso di Calpurnia - Jacqueline Kelly
L'usignolo - Kristin Hannah
Tutta la luce che non vediamo - Anthony Doerr

Voi avete qualche titolo che vorreste assolutamente leggere quest'anno?

5 commenti:

  1. La collina dei conigli: ottimi ricordi, ma l'ho letto davvero una vita fa. Nel mio gruppo storico di D&D però un amico aveva un nickname ispirato da quel libro, quindi mi è rimasto sempre vicino, in un modo o nell'altro.
    Sotto la pelle, invece, l'ho trovato purtroppo deludente.

    Dei classici, quest'anno mi (ri)leggerò I tre moschettieri, dopo una ventina di anni abbondanti. Sempre da piccolo ho letto e amato Il giardino segreto. Signorina Mary, bastian contrario... :)
    1984 è bello ma, per me, sopravvalutato (e di molto inferiore, come angoscia che trasmette, al Mondo Nuovo di Huxley).
    Non mi ha convinto Il maestro e Margherita, mentre ho trovato affascinante Il grande Gatsby (dopo averlo letto ho deciso di approfondire la conoscenza con Fitzgerald e per ora ne sono rimasto piacevolmente sorpreso... ora ho in coda Tenera è la notte, dopo essermi goduti Belli e dannati).


    Dei libri che vuoi recuperare ho in coda Doerr, nel caso poi ti farò sapere se a mio avviso meritava ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io e i classici non abbiamo un gran rapporto ma voglio assolutamente recuperare: tu quali mi consiglieresti più di tutti fra tutti quelli che hai letto?

      Elimina
  2. Uhm... Dumas l'ho finito qualche giorno fa ed è stata una lettura davvero piacevole. Avventura e ironia, considera poi che è nato come feutillon, pubblicato a capitoli su un giornale, e sopratutto all'inizio i capitoli tendevano all'esagerazione, alle guasconate, al finale che faceva attendere il numero successivo.
    Se ti va qualcosa di divertente e avventuroso, Dumas.

    Fitzgerald se ti piacciono le atmosfere dell'America degli anni venti, la decadenza del mito americano.

    1984 è uno dei papà delle distopie che tanto vanno di moda ora, ma come ho detto per me è molto meglio Il mondo nuovo. Non mi ha preso più di tanto, Orwell.

    Il giardino segreto invece è un romanzo per ragazzi di quelli vecchi, sarà che quando ci penso sento ancora l'odore del cartone della copertina e rivedo le scene del cartone animato... oggi si direbbe una sorta di YA senza (ovviamente) elementi fantastici ma con bei protagonisti giovani e avventurosi, spesso più maturi degli adulti che li circondano (un po' come in Heidi e in gran parte delle storie per ragazzi diventate classici e cartoni).


    Ma vedo che non ho consigliato niente.
    Diciamo che la mia classifica personale di questi titoli sarebbe
    I tre moschettieri
    Il giardino segreto
    Il grande Gatsby
    1984
    Il maestro e Margherita

    ma non so se te probabilmente preferiresti Il giardino segreto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E in genere proprio tra i classici che conosci?:)

      Elimina
  3. Qui baro e uso goodreads :D

    I fratelli Karamazov, di Dostoevskji
    Il buio oltre la siepe, di Harper Lee
    Il monaco, di Matthew Lewis (gotico)
    Belli e dannati, di Fitzgerald (ora io invece sto per cominciare Tenera è la notte, sempre suo)
    Il conte di Montecristo, di Dumas


    Classici ma di letteratura di genere, sennò, ci sono
    Ubik, di Dick
    Il gioco di Ender, di Orscon Scott Card
    Straniero in terra straniera, di Heinlein
    Io sono leggenda, di Matheson

    RispondiElimina

Se ti va, lascia un commento!