domenica 26 febbraio 2012

Weekly Highlights: 20-26 Febbraio

weekly

Sono decine i titoli che ogni settimana sbarcano in libreria e a volte alcuni di essi nel marasma generale possono sfuggirci: di alcuni libri riesco a proporvi post di anteprima; di altri, o per mancanza di tempo o per dimenticanza, no; di alcuni talvolta non ho notizia neppure io. Ho deciso quindi di dedicare una rubrica alle uscite della settimana appena passata, ma non nel modo classico: non vi farò infatti un elenco di tutti i libri approdati in libreria, ma solo di quelli che secondo me possono rivelarsi interessanti, che mi piacerebbe leggere e che quindi  ho pensato di “mettere in evidenza”. Nasce quindi Weekly Highlights, con i “consigli per gli acquisti” del blog Living For Books: chissà che non scopriate qualche titolo che vi era sfuggito! Ovviamente i consigli si baseranno uncamente sui miei gusti e sulle mie impressioni "a pelle": non esitate a farmi sapere cosa ne pensate voi!

Il prigioniero del cielo di Carlos Ruiz Zafon


Why?
Sono una grande fan di Zafon e ho amato i primi due libri della quadrilogia, L’ombra del vento e Il gioco dell’angelo. Non vedo l’ora di tornare nel cimitero dei libri dimenticati! Peccato per il prezzo davvero esagerato.

Editore: Mondadori
Pagine: 380
Prezzo: 21,00€
Barcellona, dicembre 1957. Nella libreria dei Sempere entra un individuo misterioso che acquista una preziosa edizione del Conte di Montecristo e la lascia in custodia a Daniel perché la consegni al suo amico Fermin. Il libro porta una dedica inquietante: "Per Fermin Romero de Torres, che è riemerso tra i morti e ha la chiave del futuro", firmato "13". Tra malintesi, imbrogli e minacciosi ricordi dal passato inizia l'indagine di Daniel per decifrare quella dedica enigmatica e capire quali segreti nasconde il suo fedele amico. Prima di potersene rendere conto, il giovane libraio viene catapultato in un passato che lo riguarda da vicino, dove la morte di sua madre Isabella si lega al destino di David Martin, il grande scrittore che dal carcere scrive Il gioco dell'angelo, e a quello del perfido editore Mauricio Valls, una vecchia conoscenza degli anni di carcere di Fermin. Quello che Daniel scoprirà non rimarrà senza effetti sulla sua vita, molte domande rimaste in sospeso avranno una risposta e lui si troverà in mano, inaspettatamente, la possibilità di vendicarsi.

Il lungo addio di Meghan O’Rourke 

Why?
Non so voi, ma spesso sento il bisogno di gettarmi a capofitto su un libro triste, ricco di emozioni. Questo mi pare perfetto.

Editore: Giunti
Pagine: 304
Prezzo: 15,00€

Meghan O'Rourke ha solo trent'anni quando la madre muore. E anche se la malattia le ha fatto riscoprire una nuova intimità fra loro e l'ha abituata all'idea della fine, non è per nulla preparata al dolore che seguirà a quella notte di Natale. Immersa nei ritmi di una città traboccante di richieste e aspettative, Meghan non riesce a trovare un modo per attenuare la propria sofferenza, né qualcuno con cui condividerla, a parte la sua analista, di cui aspetta, avida, ogni seduta. Sua madre è ovunque, è nel vento che fa muovere le foglie di una siepe, è con lei in un bar mentre beve il tè con un'amica, è nei ricordi di un'infanzia spensierata, è nel colore viola. Scandendo mese dopo mese le tappe di un anno indimenticabile, Meghan ci fa riflettere su quanto si senta solo chi soffre, soprattutto in una civiltà, quella occidentale, che ha abolito ogni rituale collettivo per superare e condividere i passaggi fondamentali dell'esistenza.

Un lavoro sporco di Christopher Moore


Why?
Ho letto Il vangelo secondo Biff di Christopher Moore e me ne sono innamorata: ho già in casa questo libro, in attesa di lettura, ma ho pensato di segnalarvi comunque l’uscita dell’edizione economica… magari il prezzo vi convincerà a dargli una possibilità!

Editore: economica LIT
Pagine: 448
Prezzo: 9,90

Charlie Asher è contento, felice, appagato. Una bella moglie in attesa di un figlio. Un negozio di roba usata. Amici con i quali scambiare le solite quattro chiacchiere. Un'esistenza tranquilla. Quando l'adorata Rachel perde la vita dando alla luce la dolce Sophie, la situazione prende decisamente una brutta, bruttissima piega. Charlie, distrutto, inizia a vedere persone e oggetti che non dovrebbero esserci. Che non dovrebbero esistere. Un uomo altissimo color verde menta che appare e scompare a proprio piacimento. Enormi volumi usciti dal nulla che luccicano e si aprono su pagine dense di segreti sull'aldilà. Messaggi misteriosi conditi da teschi e ossa. Corvi spettrali che svolazzano in ogni dove. Conoscenti, amici o perfetti sconosciuti che cominciano a morire. I casi sono due: o Charlie sta impazzendo o qualcosa, qualcuno, l'ha scelto per una missione neppure troppo piacevole. Qualcuna, più precisamente, con tanto di falce e sudario nero vuole essere sostituita o aiutata.

La voce invisibile del vento di Clara Sanchez


Why?
Ho sentito molto parlare di quest’autrice, mi è stata consigliata più volte e la trama mi intriga.

Editore: Garzanti
Pagine: 361
Prezzo: 17,60€

Spagna, località di Las Marinas. La luce si è ritirata verso qualche luogo nel cielo. Il buio della notte avvolge le viuzze del paese e il mare è nero come la pece. Julia ha perso la strada di casa: è circondata dal silenzio e sente solo la voce del vento che soffia dal mare, e profuma di sale e di fiori. Non ricorda cosa sia successo: era uscita a prendere il latte per suo figlio, ma sulla strada del ritorno all'improvviso si è ritrovata in macchina senza soldi, documenti e cellulare. In pochi minuti quella che doveva essere una vacanza da sogno si è trasformata in un incubo. Per le strade non c'è nessuno, le case sulla spiaggia sembrano tutte uguali e Julia non riesce a ritrovare l'appartamento nel quale l'attendono il marito Felix e il figlio di pochi mesi. Prova a contattarli da un telefono pubblico, ma la linea è sempre occupata. Tutto, intorno a lei, è così familiare eppure così stranamente irreale. Tra le vie oscure e labirintiche c'è solo una luce, quella di un locale notturno. A Julia non resta altra scelta che raggiungerlo, nella speranza di trovare qualcuno che l'aiuti. Qui, quasi ad aspettarla, c'è un uomo, un tipo affascinante, con la barba incolta e l'accento dell'Est Europa, che sembra sapere tante, troppe cose su di lei. Si chiama Marcus: Julia ha la sensazione di averlo già incontrato da qualche parte. Fidarsi di lui è facile. Eppure Marcus non è quello che sembra e nasconde qualcosa.

Io non sono un serial killer di Dan Wells


Why?
Un libro per ragazzi dalla trama davvero atipica!

Editore: Fazi
Pagine: 286
Prezzo: 16,00€

John Wayne Cleaver è, per sua stessa ammissione, un ragazzo potenzialmente pericoloso. Giudicate voi stessi: un ragazzo che passa il suo tempo dentro casa – un vero sociopatico-, che vive tra i cadaveri dell'obitorio locale, amministrato dalla madre e dalla zia, che ha una tendenza a uccidere gli animali e da quando è piccolo nutre un’ossessione per gli assassini seriali. Visto così, il suo destino è segnato. Ma consapevole di questa sua propensione e non molto eccitato all'idea di diventare un serial killer, John ha deciso di parlare con uno psicologo e di seguire alcune regole precise: avere solo pensieri positivi verso le persone che lo circondano; non avvicinarsi agli animali; evitare le scene dei crimini. Ma questo ultimo proposito diventa molto difficile da rispettare quando, proprio vicino casa, vengono ritrovati dei corpi atrocemente mutilati. Stavolta il suo demone interiore è costretto ad uscire allo scoperto, sulle tracce di quel mostro che, là fuori, sta lanciando una sfida che non è più possibile respingere.

4 commenti:

  1. Interessante, Moore in economica!
    Ho adorato anche io Il Vangelo, e Un lavoro sporco è in wishlist... quando passo da una libreria vedrò di procurarmelo.

    RispondiElimina
  2. Anche io ho amato il Vangelo :D

    P.S. bella la nuova grafica, mi piace!
    My recent post Gennaio: nuovi arrivi, un Meme e un premio!

    RispondiElimina
  3. Clara Sanchez non mi è piaciuta nel primo, non so se darle una seconda possibilità...
    Di Ruiz Zafon non ho mai letto niente, da cosa dovrei cominciare, secondo voi?
    Interessanti Il lungo addio e Io non sono un serial killer!
    ciao ciao

    RispondiElimina
  4. CricchiSuccoDiMela27 febbraio 2012 22:05

    "Un lavoro sporco" è fantastico! mi ha tenuto compagnia in un viaggio all'estero quattro anni fa e, come è successo per te, mi sono innamorata di questo libro (e di questo autore)! Ti auguro una buona lettura! ^^

    RispondiElimina

Se ti va, lascia un commento!