martedì 18 gennaio 2011

Recensione: The Summoning di Kelley Armstrong

Ciao a tutti! Oggi vorrei parlarvi di una novità fresca fresca di stampa, uscita giovedì per Fazi Editore: si tratta di The Summoning – Il Richiamo delle Ombre di Kelley Armstrong.
































OriginaleThe Summoning
EditoreFazi
Pagine 343
Prezzo10,00€
GenereUrban Fantasy Young Adult
SerieDarkest Powers, #1
Votostarstarstarstar

sto png
Chloe sembra all’apparenza una quindicenne come tante altre: frequenta una sorta di liceo artistico, ha diverse amiche, una passione per i film e la regia. Ma in realtà c’è molto altro: da quando sua madre è morta, Chloe vive praticamente da sola, accudita da una governante, perchè il padre è sempre all’estero per lavoro e si interessa ben poco a lei, pur mantenendola. Insomma, si può dire che la sua vita non sia proprio il massimo della felicità. Ma il peggio deve ancora iniziare.
Una mattina Chloe si sveglia dopo aver fatto uno strano sogno, popolato da fantasmi e scantinati, cui però non dà troppo peso: chi di noi può dire di non aver mai fatto un incubo? Tranquilla, si prepara e si incontra con un amico per l’usuale passaggio a scuola: all’improvviso, un urlo. Le pare di aver visto un uomo attraversare inaspettatamente la strada, proprio di fronte alla loro macchina. Ma non c’è nessuno. Scossa, entra in aula e si prepara ad affrontare una noiosa giornata di lezioni. Una giornata che si rivelerà da incubo: avvertendo una strana sensazione Chloe si dirige in bagno e scopre di essersi, finalmente, sviluppata, quando oramai cominciava a pensare che non sarebbe mai successo. In preda ad una strana euforia, decide di approfittare della sua breve “gita” al bagno per farsi qualche meches rossa, che da tempo desiderava, sfruttando un tubetto di tinta che aveva appositamente comprato. Ma comincia a percepire strani rumori, un pianto: il bagno però è deserto. Esce, decisa a tornare in classe, quando un bidello le si avvicina. Ma c’è qualcosa che non va: Chloe non l’ha mai visto e poi…metà del suo volto è bruciata. Terrorizzata la ragazza scappa ma quello strano uomo la insegue. Entra in una classe vuota, urlando, ma il bidello attraversa la porta chiusa. Terrorizzata, continua a urlare fino a quando non arrivano alcuni insegnanti, preoccupati: la ragazza è come impazzita, continua a vedere quel mostro, urla e scalcia, come in preda ad una crisi isterica. Viene sedata e condotta all’ospedale, dove al risveglio l'accolgono suo padre e sua zia. Per poter rientrare a scuola, dovrà prima passare due settimane a Lyle House, una casa di ricovero per adolescenti disturbati. A Chloe cade il mondo addosso: è diventata una pazza, una malata di mente. Ma proprio a Lyle House verrà a conoscenza di importanti verità, che stravolgeranno completamente la sua vita e quella dei suoi compagni di sventura.

Una premessa  che mi sembra doveroso fare: non ho mai letto altro di quest’autrice, ho in casa Bitten ma non l’ho ancora neppure aperto, per cui non posso fare confronti con esso, posso solo genericamente dire che comunque i due libri hanno un diverso target poichè questo è uno young adult, e penso che questa sia una cosa da tener presente^_^
The Summoning è un buon young adult di genere urban fantasy. Primo libro di una trilogia, presenta alcuni difettucci dovuti al fatto che  l’autrice deve presentarci tutti i personaggi e cercare comunque di dare un’idea dell’ambientazione: per cui, forse, alcune situazioni che si vengono a creare, specialmente nella primissima parte, possono sembrare noiose oppure poco utili ma sono importanti, secondo me, per cercare di delineare il personaggio di Chloe e farci maggiormente avvicinare alla sua personalità. La storia, per quello che concerne le mie precedenti esperienze di lettura, è piuttosto originale e ha un finale decisamente inaspettato, sul più bello, che ovviamente fa venire voglia di leggere subito il seguito per sapere come proseguiranno le vicende (anche se temo che affinchè questo sia possibile ci toccherà aspettare un annetto, per ora l'uscita di The Awakening è segnalata per Gennaio 2012). Tra i personaggi che ho preferito abbiamo Derek, misterioso  e incomprensibile, e Rae, mentre l’odiosa di turno è ovviamente Tori. Devo ammettere che non mi aspettavo proprio la piega  presa dal libro nella parte finale: avevo intuito che c’era qualcosa che non andava, ma non ero arrivata a tanto. Terribile la scena con Chloe nello stanzino dello scantinato, mi ha fatto venire i brividi! Interessantissima l’idea della autrice dell’internamento in una sorta di clinica e del mescolare insieme divere entità e poteri sovrannaturali, cosa che apprezzo molto e preferisco rispetto a quei libri incentrati su un solo tipo di creature.
In conclusione, un libro ben scritto che consiglio agli appassionati di paranormal young adults, perchè penso proprio che nei prossimi volumi questa storia saprà riservarci grandi sorprese!

Cover: starstarstarstarstar
Trama: starstarstarstar
Finale:starstarstarstarstar
Personaggi: starstarstar
Stile di scrittura: starstarstarstar

autore

Kelley Armstrong è una scrittrice canadese nata nel 1968. E’ laurata in psicologia e al momento è sposata con tre figli.  Le sue serie più famose sono la Women of the Otherworld , indirizzata ad un pubblico adulto, e la Darkest Powers, young adult.
stesso autore
Bitten (Women of the otherworld, #1)

Toronto, giorni nostri. Elena Michaels è una giornalista di successo, ha un ragazzo normale che la vorrebbe sposare, ama correre di notte, correre veloce come il vento. Non sono certo le strade buie o i tipi loschi a farle paura perché dalla sua ha qualcosa di straordinario. È l'unica donna licantropo al mondo. Ha abbandonato il suo clan d'appartenenza e i comfort della villa, loro quartier generale, per una vita ordinaria. Indietro non si è lasciata solo un Branco ma anche Clay, colui che l'ha tradita trasformandola in un licantropo. Sarà l'amore per l'unico uomo che davvero le abbia toccato il cuore e il forte sentimento di appartenenza ai licantropi che la ricondurranno indietro, quando il Branco avrà bisogno di lei. È giunto per Elena il momento di scegliere tra l'amore per Clay e quello per il ragazzo della porta accanto, tra la sua nuova vita, tessuta su una tela labile e pregna di bugie, e la sua natura che, come la luna chiama le maree, la sta chiamando a sé.

Bitten è il primo volume di una saga che conta al momento 12 volumi: il secondo uscirà in italiano tra qualche mese sempre per Fazi.

I volumi seguenti invece della saga Darkest Powers, ancora inediti in Italia, sono questi:


Per chi avesse già letto il primo volume, potete trovare QUI la trama del secondo, The Awakening, (evito di copiare ed incollarla qui per non spoilerare troppo visto che il libro è uscito da poco^^) e QUI potete leggere la traduzione di Divided, il brevissimo racconto fornito free da Kelley Armstrong in cui ci vengono raccontate le vicende di Deerek e Simon dopo che si sono separati dalle ragazze.
nuovafirma

5 commenti:

  1. Grazie Yuko, ottima recensione!

    RispondiElimina
  2. ho amato talmente tanto bitten,che non posso non leggere anche questo! poi la tua recensione me lo ha reso ancora più appetitoso ;)

    RispondiElimina
  3. Anche io ho amato molto Bitten, però qualcosa mi dice di aspettare il nuovo libro, il seguito, e di sorvolare questo... ma se lo leggete, fatemi sapere^^
    un abbraccio
    Zia Artemisia

    RispondiElimina
  4. come ho scritto, io non ho letto Bitten quindi non posso fare confronti: tenete comunque presente che questo è uno young adult e i protagonisti sono ragazzini quindicenni:)

    RispondiElimina
  5. Ciao!
    Ti ho trovata cercando recensioni proprio di questo titolo, che mi ha regalato mamma ma che devo ancora leggere (me lo consegnerà venerdì, quando ci vedremo) ^^

    Ottima premessa!

    Un caro saluto!!!

    RispondiElimina

Se ti va, lascia un commento!